Menu

Notizie e curiosità dal web

Assicurazioni mutuo obbligatorie e facoltative: quello che c’è da sapere

15 novembre 2018 - Assicurazioni
Assicurazioni mutuo obbligatorie e facoltative: quello che c’è da sapere

La tematica assicurazioni mutuo obbligatorie e facoltative assume una certa rilevanza nel preciso istante in cui l´istituto di credito eroga il finanziamento per l´accesso al mutuo di un immobile, sia esso una casa oppure un appartamento. Su questo argomento urge fare chiarezza.

Quali sono le assicurazioni mutuo obbligatorie?

La risposta al suddetto quesito è secca. Una sola e precisamente la polizza scoppio e incendio, la cui mission di fondo mira a proteggere l´immobile ipotecato contro scoppio, incendio, esplosioni, danni dovuti a vapore e a fumo. Nella circostanza in cui ci fosse un evento dalle conseguenze negative, in grado di danneggiare più o meno seriamente le quattro mura domestiche, toccherà alla compagnia assicurativa di turno accollarsi tutte le spese volte ad eseguire la ricostruzione, per far estinguere il mutuo con la banca. Vale inoltre la pena constatare che le condizioni contrattuali giocano un ruolo di notevole importanza nel momento in cui si tratta di individuare il valore dell´abitazione: si possono infatti tenere conto del valore di ricostruzione o di quello commerciale.

Per la legge sulla trasparenza nei confronti del cliente che ha sottoscritto la polizza, il costo della stessa va obbligatoriamente indicato all´interno del Tasso annuo effettivo globale (TAEG).

Essendo l´unica polizza obbligatoria in materia di assicurazioni mutuo, urge approfondire il discorso sulla durata.

Quanto dura l´assicurazione scoppio incendio?

In linea di massima, la durata di quest´assicurazione obbligatoria corrisponde con quella relativa agli anni del mutuo. Il mutuatario ha di fatto la possibilità di procedere al pagamento della polizza attraverso un´unica soluzione oppure in alternativa ha la facoltà di versare l´ammontare del premio in occasione del rogito Tra le altre possibilità spicca quella della dilazione della somma mensile del mutuo. La sostanziale differenza sta nel fatto che mentre la prima casistica dà diritto al rimborso della parte del premio rimasta inutilizzata, nel momento in cui si decide di vendere l´immobile prima che il finanziamento scada in modo naturale, nella casistica della surroga, invece, risulta assolutamente possibile trasferire l´assicurazione obbligatoria connessa al mutuo anche a fronte di passaggio ad un nuovo istituto di credito. Nella suddetta situazione risulterà di cruciale importanza procedere al cambio del beneficiario. Nell´eventualità, è ammessa anche l´estinzione della polizza e l´accensione di una nuova. Per ovvi motivi, la sottoscrizione dell´assicurazione obbligatoria mutuo risulta fattibile anche con una compagine assicurativa differente rispetto a quella iniziale.

Obblighi per gli istituti di credito nell´assicurazione obbligatoria mutuo

Sostanzialmente, tocca alla banca erogatrice del finanziamento occuparsi della polizza scoppio e incendio sull´immobile. Generalmente, gli istituti di credito tendono ad agire mediante una compagnia assicurativa che viene proposta da loro stessi. Tuttavia, a partire dal 1º luglio 2012, è obbligatorio per ogni banca proporre al mutuatario almeno due preventivi di differenti compagini assicurative che nulla hanno a che vedere con l´istituto creditizio. Dall´altro lato, il cliente ha tutto il tempo necessario per esaminare quale proposta commerciale meglio si addice alle sue esigenze effettive. Tutto questo è sancito all´interno del Regolamento ISVAP n. 40.

Conclusioni

Come già più volte ribadito, soltanto l´assicurazione scoppio e incendio risulta obbligatoria al momento della sottoscrizione di un mutuo. Tuttavia, vi sono svariate polizze che sarebbe opportuno almeno prendere in considerazione. Il fatto che non siano obbligatorie, non vuol dire che non possano costituire una valida alternativa per tutelare il mutuatario e la sua famiglia a fronte di possibili imprevisti.

Quali sono le polizze facoltative maggiormente meritevoli di attenzione?

La polizza a protezione del credito (CPI) rientra di diritto di sicuro fra le più meritevoli di attenzione, il cui scopo primario consiste nel salvaguardare al meglio il contraente nel malaugurato caso in cui dovesse perdere il lavoro. Con questa polizza, di fatto, viene assicurato all´istituto bancario creditore il pagamento delle rate del mutuo. Come? Grazie alla polizza sulla vita, deputata alla copertura dei costi in caso di decesso del mutuatario o ancora di malattia e di infortunio. Situazioni, insomma, dove il pagamento delle rate del mutuo per forza di cose finirebbe per essere a serio repentaglio. Infine, vale la pena precisare che di caso di morte del mutuatario, tocca alla compagine assicurativa per cui è stata sottoscritta la polizza sulla vita, occuparsi di ultimare il pagamento delle rate del mutuo. In questo modo, infatti, gli eredi del contraente defunto risultano tutelati.

Link di approfondimenti:

https://it.wikipedia.org/wiki/Mutuo

https://www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/banche-e-assicurazioni/domande-e-risposte/2018/07/17/news/surroga_mutuo_come_fare_-201981093/