Menu

Notizie e curiosità dal web

Alla scoperta di Torino ecco quello che non ti puoi perdere

4 marzo 2018 - Turismo
Alla scoperta di Torino ecco quello che non ti puoi perdere

Torino è tra le grandi città italiane quella più snobbata dal turismo. Spesso se si chiede agli stranieri dove sono stati non mancheranno di elencare Roma, Firenze e Venezia. Molti saranno stati anche a Napoli o Milano. Difficilmente però nell’elenco apparirà il capoluogo piemontese.

Questo discorso si può tranquillamente estendere anche a tanti italiani. E perdersi Torino è un vero peccato, visto che la città è senza dubbio una delle più interessanti del nord Italia ed ha tantissime cose da scoprire, e magari per visitarla al meglio, nella più totale comodità si potrebbe optare per un alloggio in centro Torino.

Innanzitutto Torino è una città dal centro storico bellissimo, diverso dagli altri centri storici delle città italiane. La scelta di farne la capitale del loro Stato da parte dei Savoia nel 1500 si riflette nell’architettura monumentale della città, da Piazza San Carlo a Piazza Castello, dove si trova Palazzo Madama, la monumentale residenza dei sovrani oggi patrimonio dell’UNESCO. Sempre sulla stessa piazza si trova Palazzo Reale, primo centro di potere dei Savoia e autentico gioiello dell’arte mondiale. Sempre in centro storico si trova la Mole Antonelliana, quello che oggi è un po’ il simbolo della città. Pensata nel XIX secolo come sinagoga, l’edificio oggi ospita il Museo nazionale del cinema.

E proprio i musei sono un’altra delle cose da non perdere a Torino. Oltre al visitatissimo museo dedicato al grande schermo, a Torino si trova il Museo Egizio, il più grande al mondo dopo naturalmente quello del Cairo. Il Museo Egizio di può vantarsi di essere il primo di questo genere al mondo, risalendo alla prima metà dell’ottocento ed è uno dei musei più apprezzati non solo d’Italia ma di tutto il mondo. Il terzo grande museo della città è il Museo dell’automobile, e non poteva essere altrimenti essendo Torino la città dov’è nata la FIAT. Il museo, dedicato a Giovanni Agnelli, è considerato uno dei migliori in Europa sul tema ed è organizzato su tre piani ognuno dei quali è dedicato ad una diversa tematica.

Messa così Torino può sembrare una città piena esclusivamente di cultura. Tuttavia non è così, la città ha anche una ricchissima tradizione enogastronomica ed il divertimento non manca di certo. Una sosta in uno dei tanti caffè torinesi è d’obbligo, sia per un tradizionale “bicerin” sia per un dolce a base di cioccolato, prodotto per il quale la città è famosissima, basti pensare alla Ferrero.

E arrivata la sera è il momento di un aperitivo. Torino è infatti la città dov’è nato il vermouth e gli aperitivi torinesi nei bar storici della città lasceranno un ricordo indimenticabile. E chi avesse voglia di continuare, può arrivare fino ai Murazzi, la zona lungo il Po frequentata dai giovani dove si trovano bar e locali dove poter far tardi.

Se si sta cercando una meta per il prossimo weekend da fare fuori città, Torino è sicuramente un luogo che merita di essere visto e vissuto. Ci si stupirà di come questa città possa essere così poco presa in considerazione dal pubblico maistream e senza dubbio alcuno si ritornerà innamorati del capoluogo piemontese.